Lotta alla povertà assoluta, ecco il Reddito di Inclusione

20 febbraio, Sala Riolfo: iniziativa pubblica del Partito Democratico albese per far conoscere la prima misura nazionale di sostegno economico alle famiglie in difficoltà

Il Reddito di inclusione, è il nuovo sussidio universale nazionale contro la povertà delle famiglie che risiedono in Italia attivo dallo scorso 1° gennaio. Non si tratta però di un regalo o un bonus una tantum. Infatti, il mantenimento del sostegno al reddito sarà vincolato e condizionato ad un accordo tra il cittadino ed gli enti locali, basato sull’impegno a seguire un progetto personalizzato che miri a far uscire l’intero nucleo familiare dalla situazione disagiata e che preveda tra le altre cose, anche il mandare i figli a scuola ed accettare lavori o seguire corsi per un’eventuale formazione professionale. Dal prossimo 1° luglio poi questa misura amplierà la propria area di intervento. L’iniziativa vede la collaborazione tra: i Comuni (che hanno il compito di erogare il sussidio universale in associazione ad un accordo personalizzato con il cittadino), INPS: (che è l’ente pubblico che si occupa di attuare il piano e mettere a disposizione i propri servizi telematici per ricevere e trasmettere ai vari organi, la domanda reddito inclusione attiva da parte dei cittadini), Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (che ha il compito di vigilare e verificare l’efficacia del nuovo sussidio universale contro la povertà con l’effettiva integrazione sociale della famiglia), Poste italiane (che ha il compito di emettere la Carta REI, ossia, la carta elettronica sulla quale l’Inps carica l’importo del REI spettante), i Servizi sociali e Centro per l’Impiego (che hanno il compito di valutare la situazione economica, sociale e lavorativa delle famiglia richiedente il REI e di redigere il cosiddetto patto personalizzato REI che la famiglia è obbligata ad osservare, pena la revoca del beneficio e l’applicazione delle sanzioni REI 2018).

Per informare i cittadini in modo dettagliato il Circolo albese del Partito Democratico organizza per martedì 20 febbraio, alle 20.45 in Sala Riolfo ad Alba una serata di approfondimento.
Il programma prevede, dopo l’introduzione di William Revello, segretario del Circolo gli interventi di Massimo Tarasco, Presidente Regionale Acli Piemonte e Coordinatore regionale dell’Alleanza contro la Povertà; Giovanna Marrone, Responsabile Area Servizio Sociale del Consorzio Socio-Assistenziale AlbaLangheRoero; Elena Di Liddo, Vicesindaco della Città di Alba e Assessore alle Politiche familiari e ai Servizi sociali ed assistenziali. A moderare gli interventi sarà chiamato Sergio Taricco componente del Direttivo del PD locale. Infine si darà spazio alle testimonianze di associazioni di volontariato, cooperative sociali ed enti benefici albesi.

“Il Rei è pensato perché oltre al reddito ci sia inclusione. Una misura come questa, insieme agli investimenti previsti nelle periferie, dà il senso di una strategia per la lotta alla povertà che non si limiti ai convegni e agli slogan – afferma William Revello – ma rappresenta uno dei punti cardine dell’azione di Governo che ha visto in questi ultimi cinque anni protagonista il Partito Democratico”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *